Il degrado del calcestruzzo può avvenire per cause di diverso genere: meccanico (abrasione, erosione, urto,..) fisico (fenomeni causati da variazioni
termiche), chimico (attacco acido somatico), strutturale (sovraccarico, assestamenti).
Il degrado chimico è causato dall’alcalinità del supporto che subisce una modifica a causa di agenti esterni quali l’anidride carbonica che penetra
dall’ambiente esterno fino negli strati più interni del calcestruzzo riducendo il pH. Questo processo è noto con il nome di carbonatazione.